IN MORTE DI UN AMORE

Il ragazzo la guardava intensamente.
Lei: non cercare di capirmi.
Lui: non sto cercando di capirti. Ti sto aspettando.

Si era aperta una finestra.
Ho cercato di tenerla aperta.
Ma lei si è chiusa.

Ho bagnato i vetri di quella finestra che si è chiusa con lacrime viste da lei.
Rimasto da solo le ho fermate, ormai inutili, in attesa di nuovi spiragli.

Come va con la ragazza?
E’ finita.
Cosa è successo?
Non accetto domande.

Può un individuo mettere le pezze a tutti i danni di una cultura perversa? Forse no.

Il dolore acquista un senso soltanto dove ci spinge a cercare le cose che ci fanno bene.

E fu così che accese nelle sue stanze la radio e la lasciò accesa per sempre. Per tener lontano il silenzio.

Io non parlo leggermente del nero perché non so cosa sia, ma perché ne sono uscito.

C’è soltanto una cosa che ci salva dal vortice delle emozioni. Si chiama volontà. Ma funziona soltanto se si sanno le cose giuste.

Ho alzato la mano sinistra ed ho detto: “è come se là in alto a sinistra ci fosse il sole, e qui in basso a destra (nel dirlo mi sono girato con la testa, ho abbassato il tono di voce, ma ho lasciato alzato il braccio sinistro) un vortice scuro.” L’immagine mi è rimasta dentro. Ho continuato ad elaborarla. Ho visto la possibilità che il vortice scuro si gonfiasse di rabbia per ingoiare il sole e ritrarsi lasciandolo spento. Ma ho visto anche la possibilità che il sole si mettesse a giocare col vortice scuro trasformandolo in una fontana giocosa.
Non che sia facile, nessuno questo lo ha mai detto.

[fb_like]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *