DUE MOMENTI DI UN DOLORE

UNA FERITA DIVERSA

Sbattevano le onde,
sbattevano da tempo su una roccia
che si sosteneva da sola nel mezzo del mare.

Questa roccia aveva un cuore
che si spezzava spesso,
e aveva il suo bel da fare
a ricomporne i pezzi.

Almeno poteva dire
di avere imparato come farlo:
come ricomporlo,
il proprio cuore.

Ma ora la ferita è più profonda,
non è nel cuore:
è nella testa.

EPPURE…

…eppure il sale delle onde è ancora dolce
a questo pensiero,
che ancora ha voglia
di vento,
di tempesta,
di sussurri.

No, non è ancora il momento della stanchezza.

La voglia di vita è ancora troppa,
e di conseguenza gli errori futuri saranno gli stessi del passato.

Ma sono davvero errori?

[fb_like]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *