FRIEDRICH NIETZSCHE, UN RITRATTO

Questo è il ritratto di Nietzsche che ho disegnato come logo per “Aforismi di un futuro”.
“Aforismi di un futuro” è una raccolta di riflessioni che ho pubblicato nel 2011.
Molti di questi aforismi si possono leggere qui.
Ho scelto Nietzsche per via dell’influenza profonda che ho ricevuto dalla lettura dei suoi libri.

Friedrich Nietzsche

Ritratto di Friedrich Nietzsche

[fb_like]

Un problema di simmetria…

Ieri sera ho deciso che la barba era troppo lunga, e lavorando col rasoio mi è venuta un’ispirazione. Adesso non so se tenerli. Di certo quando li ho fatti sembravano più simmetrici che in fotografia (e stamattina gli ungheresi sul lavoro avevano qualcosa di cui chiacchierare).

L’acqua minerale in ungherese: kóstolta már?

Da settembre sto studiando un po’ di ungherese, una lezione a settimana. Spulciando nelle bacheche universitarie ho trovato un’insegnante di inglese e per 1800 fiorini all’ora (circa 6 euro) le ho chiesto di insegnarmi l’ungherese in inglese.

E’ difficile. A volte mi sembra di fare progressi, ma poco tempo fa mi sono dovuto rendere amaramente conto che non so ancora leggere le etichette al supermercato. Allora ho strappato quella dell’acqua minerale e me la sono fatta tradurre dall’insegnante. Eccola:

p.s. “kóstolta már?” = “L’hai già assaggiata?”

[fb_like]

 

 

PROGETTO ASPIRAZIONE

 

Questo è uno schizzo che ho fatto per far capire a un fornitore che tipo di aspiratore mi serviva. C’è una pistola a spruzzo che vernicia la catena continua delle chiusure lampo, e mettendo un’aspirazione dietro il punto di verniciatura si evita che lo spruzzo di vernice rimbalzi e si diffonda nell’ambiente. Così si evita di mettere una cappa.

schizzo per l'aspirazione di un punto di verniciatura

[fb_like]

No alle parole interiori

Le parole servono per dire qualcosa agli altri, ma il nocciolo del pensiero non è fatto di suono. Troppo spesso le parole pronunciate all’interno della mente si rivelano un giro inutile e un inganno contro noi stessi.

No alle parole interiori.

No alle parole pronunciate all’interno della mente.

 

[fb_like]

L’occhio

L'occhio

L’occhio, la parte più mobile e sfuggente del corpo.

L’occhio è la porta attraverso la quale il mondo entra nello spirito. Noi guardiamo troppo: bisogna dare soltanto gli sguardi che servono, quelli che salvano le parti del mondo di cui ci vogliamo ricordare. Quello che non vale la pena salvare, quello non va guardato.

 

[fb_like]

 

 

La Maschera

La Maschera

La Maschera

Il senso della maschera sta nel poter impiegare la sensazione dei muscoli facciali come struttura stabile attorno alla quale organizzare le onde mutevoli del pensiero. Sia nella dimensione sociale sia da soli, in compagnia di se stessi.

 

[fb_like]