Troppi Fiori

Ispirazioni, metafore e riflessioni sull’amore; e sugli effetti collaterali.

“Finalmente ho capito a cosa serve il vento.
Ad asciugare le lacrime senza rovinarle con le dita.”

Puoi comprarlo sui maggiori store online, oppure direttamente qui:



Troppi Fiori

Ispirazioni, metafore e riflessioni sull’amore; e sugli effetti collaterali.

“Finalmente ho capito a cosa serve il vento.
Ad asciugare le lacrime senza rovinarle con le dita.”

Troppi Fiori

Troppi Fiori

In ufficio c’è un Van Gogh coi girasole.
Nel corridoio una ragazza chiede ai petali una risposta.
Il capotreno ha una corona di rose in testa,
il vagabondo ha una viola nel taschino,
e nei tuoi occhi è un tulipano nero.
Ma troppi fiori non va bene.
Troppi fiori non è la verità.

 

1 – Da quando ti ho incontrato, sul tram mi siedo al primo posto, e non mi volto.

13 – Con te ho trovato quello che non riesco a dire.

25 – Dopo te il mio cuore ha cambiato forma.

38 – E fu così che accese nelle sue stanze la radio e la lasciò accesa per sempre. Per tenere lontano il silenzio.

49 – Gli equilibristi sul filo non possono sbagliare un passo. I perseguitati dall’amore, ogni giorno, ogni secondo, non possono sbagliare nemmeno un pensiero.

68 – Quando un uomo è abituato ad uscire dal nero te ne accorgi. Non nella notte in cui si rotola fra il letto e il posacenere, per venire a capo di una donna. Ma quando nel mattino arriva la prima luce. La differenza sta lì: non bisogna fare una risata rumorosa, ma un sorriso contenuto, mettendosi a lavorare in silenzio.

72 – IL FANTASMA DELL’OPERA. All’opera ci sono tanti personaggi stasera. Alcuni cantanti sono grassi, altre sono belle donne. Alcuni hanno la spada e dichiarano vendetta, altri hanno un fiore e dichiarano amore. La storia comincia, diventa importante e poi finisce. L’orchestra tocca l’apice e il pubblico applaude. Gli attori si tengono per mano e fanno un inchino. Un uomo in platea si alza, si gira, e si mette il cappotto. Il regista e i critici salgono sul palco. Anche qualche giornalista. Si formano gruppi di gente che parla. La tensione della performance è passata. I tecnici vanno a togliere i cavi. Qualche luce si spegne. Il rumore delle chiacchiere scende piano. Una voce da lontano si dà appuntamento al ristorante. Non rimane nessuno. Soltanto il fantasma del principe azzurro è rimasto seduto ad aspettare in mezzo al palco. E quando è sicuro di non essere sentito, lui la chiama, e riprendono a parlare.

79 – Poi ti rendi conto che non serve diventare matti. Di una persona basta capire due o tre cose.

83 – Le persone non cambiano quando sbagliano, ma quando vedono i propri errori.

93 – Quando andavi a scuola c’erano lunghe file di numeri e segni alla lavagna. Dovevi fare tutte le somme senza dimenticarti di nessun pezzo. Si faceva così per trovare il risultato.
Con le emozioni è diverso. Devi cancellare dalla lavagna tutte le parole e tutte le figure. E stare ad aspettare.

98 – Le anime perse esistono. Lo capisci con certezza dopo averne incontrata più d’una. E da quel momento, come puoi non rendere questa ricerca il centro della tua vita? Per poi prendertene cura.

99 – Te ne accorgi da come parlano. Più raramente da come scrivono. Mettono le parole in modo diverso. Hanno dei gesti, delle pose. Hanno un loro dialetto comportamentale da cui vieni influenzato. E loro assorbono ciò che è tipico di te. Sono l’uno percento. Sono persone dotate di uno stile. Quando le incontri ti lasciano un segno.

 

Puoi comprare il libro in formato elettronico sui maggiori store:
IBS
ITUNES
BOOKREPUBLIC
GOOGLEPLAY
AMAZON
ULTIMABOOKS
HOEPLI

C’era la pianura

C’era la pianura. Era come se ci fosse sempre stata la pianura. Era come se ci dovesse sempre essere la pianura. Niente colline, niente palazzi, nemmeno nuvole, soltanto la noia di fili d’erba tutti uguali. Un vento monotono che non portava nessun rumore. Nessun oggetto che saltava fuori dal paesaggio. Stavolta ho tenuto il vizio fuori dai coglioni. Niente di che, s’intende, parlo solo di bacco e tabacco. L’unica golosia che mi sono concessa è stato un chilo di mele. Quelle non fanno male e mi tengono occupato. Ho voluto tenermi tutta la mia lucidità e guardare fino in fondo questa pianura.
Senza lasciarmi andare. L’ho guardata a lungo, con pazienza, senza irritazione. E poi non so come, dopo una notte, una mattina e mezzo pomeriggio, ho sollevato lo sguardo e mi sono ritrovato di nuovo in una foresta di fiori rossi e frutti arancioni, altissima verso il cielo e ricca dei versi degli animali.

[fb_like]

CADERE NEL VIZIO

Il tempo è una prateria, sopra ci sta un cielo, e tu sei a cavallo. Nella prateria ci sono trappole nascoste, e là dove lo zoccolo inciampa, è in quel punto esatto che si innesta il vizio. La fantasia costruisce all’orizzonte palazzi luminosi e colorati. E’ bello guardare quelle architetture e cavalcare per raggiungerle un giorno. Ma bisogna anche guardare dove appoggia il passo il nostro cavallo.

il fumo

cadere nel vizio

[fb_like]

DUE MOMENTI DI UN DOLORE

UNA FERITA DIVERSA

Sbattevano le onde,
sbattevano da tempo su una roccia
che si sosteneva da sola nel mezzo del mare.

Questa roccia aveva un cuore
che si spezzava spesso,
e aveva il suo bel da fare
a ricomporne i pezzi.

Almeno poteva dire
di avere imparato come farlo:
come ricomporlo,
il proprio cuore.

Ma ora la ferita è più profonda,
non è nel cuore:
è nella testa.

EPPURE…

…eppure il sale delle onde è ancora dolce
a questo pensiero,
che ancora ha voglia
di vento,
di tempesta,
di sussurri.

No, non è ancora il momento della stanchezza.

La voglia di vita è ancora troppa,
e di conseguenza gli errori futuri saranno gli stessi del passato.

Ma sono davvero errori?

[fb_like]

 

SULLA CREATIVITA’

Tempo fa mi era capitato di riflettere sull’atteggiamento mentale migliore per facilitare la creatività. Avevo notato una cosa importante. A volte ci viene un’ispirazione, ci succede all’improvviso di intuire qualcosa di bello. E allora ci viene voglia di fare tante cose, e pensiamo che quell’ispirazione potrebbe essere l’inizio di un percorso entusiasmante. Ma c’è un errore in questo. L’ispirazione è di per se la bellezza, è di per se la gioia, e deve essere considerata come un obiettivo, non come un mezzo. Nella mente le cose non capitano a caso. Anche se noi non le vediamo, ci sono tante concatenazioni e tanti sentieri che si stendono con continuità. Ogni scena che si verifica nel pensiero ha i suoi precursori. Ha le sue cause. Se l’ispirazione ci è capitata, allora vuol dire che prima di essa ci sono stati dei fatti, dei ricordi, delle fantasie o delle emozioni che l’hanno provocata. Se noi quando arriva l’ispirazione ci lasciamo cogliere dall’entusiasmo e ci buttiamo a correre in avanti a fare tante cose, ci togliamo la possibilità di osservare i suoi precursori. Dove ci lasciamo spingere dall’ispirazione a progettare il futuro, con ciò stiamo dimenticando il passato dell’ispirazione. Ma esattamente nel momento in cui si verifica l’ispirazione, l’intuizione, proprio in quel momento è disponibile il passato che l’ha provocata. Se nell’istante in cui arriva l’ispirazione ci blocchiamo letteralmente e stiamo attenti a tutti gli echi presenti ancora nei pensieri, allora forse riusciremo a vedere ciò che ha dato luogo a quell’ispirazione. In questo modo si acquisisce consapevolezza sulle modalità con cui la creatività ha luogo nella mente.

C’erano due frammenti nel libro che ho scritto, Aforismi di un futuro, che sintetizzavano queste riflessioni:

1383 – Se l’intuizione non è usata come base di partenza, se da essa lo
sguardo si volge all’indietro, subito, per non perder le tracce lasciate
nelle sabbie. Allora forse un metodo avremo per conoscere i semi
buoni che avevamo seminato.

1384 – Il treno dell’ispirazione all’incontrario deve andare; dal suo primo
amore non al successivo, ma ai preparativi per gustarlo gran finale.

[fb_like]